Giardino Privato

Pastrengo (Vr)
2012

 

L’obiettivo è stato quello di ridisegnare lo spazio esterno plasmando in modo da valorizzare appieno il giardino a disposizione creando uno spazio pavimentato per posizionare un tavolo per pranzare all’aperto, uno spazio per i giochi, un ricovero attrezzi e una piscina.

L’albero e la siepe disposti a “C” nella prima parte di giardino, oltre che offrire ombra, privacy e protezione dal rumore della strada, valorizzano la prospettiva del giardino: la scelta della posizione degli arbusti è importante per ottenere determinati effetti sulla percezione dell’area all’aperto.
La rientranza della zona ingresso della villetta si presta perfettamente per essere chiusa da una porta finestra in ferro e vetro dalla forma bow-window la quale struttura permette di ricavare dinnanzi all’ingresso uno spazio filtro tra interno ed esterno che inoltre permette di evitare l’ingresso di aria fredda all’apertura della porta di ingresso negli ambienti principali della casa.

La forma della piscina è chiaramente legata allo spazio a disposizione: l’angolo retto combacia con la sagoma del giardino di proprietà, mentre la linea curva è ispirata alle forme morbide delle colline. Nella parte ad angolo retto della piscina il filo superiore dell’acqua risulta allo stesso livello del terreno. Dal punto di vista estetico l’acqua che tracima oltre il bordo crea un bellissimo effetto di continuità, quasi come se la piscina non avesse confini e si perdesse nella vegetazione. La vasca di raccolta e di filtraggio delle acque si trova a un livello più basso della piscina ed è nascosta dalle siepi.
Nella siepe che segue il confine nord est della proprietà trovano posto una doccia, un lavello in pietra e un barbecue ideale per le grigliate estive.

Il giardino di casa è uno spazio protetto, all’aria aperta in cui grandi e bambini possono svolgere attività salutari: per questo motivo si è pensato di sfruttare questa parte di giardino attrezzandola con un’area per il minibasket su una pavimentazione in cemento liscio.
Un elemento che mancava in questo giardino era un ricovero attrezzi e non volendo modificare la volumetria concessionata esistente nel marcato dislivello della parte nord del giardino si è visto come si potesse inserire uno spazio ipogeo e mantenere al di sopra di esso il manto erboso accessibile da sinistra mediante una scalinata in pietra; a destra una rampa inclinata conduce all’interno dell’ipogeo.
 

 

Stato di avanzamento
Progetto

Tipologia
Giardino Privato

Incarico
Progettazione preliminare, progettazione definitiva, progettazione esecutiva, direzione lavori

Superficie lotto
385 mq

Importo complessivo
125.000 €

Progetto preliminare
arch. Damiano Zerman

Progetto definitivo
arch. Damiano Zerman

Progetto esecutivo
arch. Damiano Zerman

Collaboratori
arch. Alessandro Merigo
arch. Gianpietro Rinaldi